EAGE E-Lecture: Virtual Seismology: monitoring the subsurface with virtual sources and recivers by Kees Wapenaar

 

Pubblicato il 25 mar 2019

https://www.youtube.com/watch?v=QkbWXCvxs_w

More About ….

SEG EVOLVE PROGRAM: L’UNIVERSITA’ DI PERUGIA C’E’!

EVOLVE (https://seg.org/EVOLVE) è un programma per studenti universitari della Society of Exploration Geophysicists (SEG, https://seg.org/) della durata di 6 mesi (Gennaio-Giugno). Lo scopo principale è quello di individuare la migliore opportunità di investimento nell’esplorazione di risorse naturali di sottosuolo in diversi siti di studio mondiali. Per l’edizione 2021, il Cooper Basin (Queensland, Australia) è stato individuato come area di studio per il team di studenti dell’Università degli Studi di Perugia. E’ il terzo anno consecutivo che un team perugino del Dipartimento di Fisica e Geologia viene selezionato per l’Italia.

leggi tutto

BE GEO SCIENTISTS: Aggiornamento date e indicazioni per la partecipazione a Be Geo scientists 2021

Il Comitato Organizzatore BE GEO SCIENTISTS, avendo valutato l’elevato numero di utenti interessati all’iniziativa proposta, avendo monitorato costantemente l’evolversi dell’emergenza sanitaria da COVID-19 e preso atto della riprogrammazione nazionale e internazionale di tutti gli eventi in presenza, informa che la realizzazione dell’iniziativa BeGEO 2021 – 1° Congresso Nazionale dei Giovani Geoscienziati, inizialmente prevista per i giorni 3 – 6 giugno 2021, è stata posticipata ai giorni 7 – 10 ottobre 2021.

leggi tutto

EAGE E-Lecture: Virtual Seismology: monitoring the subsurface with virtual sources and recivers by Kees Wapenaar

This E-Lecture introduces virtual seismology: monitoring the subsurface with virtual sources and receivers, which is a new methodology to create virtual sources and virtual receivers in the subsurface from reflection measurements at the earth’s surface. Unlike in seismic interferometry, no physical instrument (receiver or source) is needed at the position of the virtual source or receiver. Moreover, no detailed knowledge of the subsurface parameters and structures is required: a smooth velocity model suffices. Yet, the responses to the virtual sources, observed by the virtual receivers, fully account for multiple scattering. This method is not only useful for reflection imaging but is has also large potential for monitoring induced seismicity, characterizing the source properties and forecasting the response to potential future induced earthquakes. This will be demonstrated with numerical models and preliminary real-data results.​