L’attuale Consiglio Direttivo è composto da:

Giovanni Florio

Florio.jpg

Giovanni Florio è Professore Associato di Geofisica presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse dell’Università di Napoli ‘Federico II’. I suoi interessi di ricerca comprendono lo sviluppo di metodi di interpretazione di dati di campi di potenziale (metodi multiscala, inversione vincolata, metodi di signal enhancement) e la loro applicazione allo studio di strutture geologiche (a grande e piccola scala), archeologiche e di interesse ingegneristico. Il tema di ricerca più recente riguarda la definizione di approcci innovativi per la modellizzazione non lineare di dati gravimetrici o magnetici volti alla ricostruzione della morfologia del basamento sepolto in bacini sedimentari. È membro del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse dell’Università di Napoli Federico II. È inoltre membro della European Association of Geoscientists and Engineers (EAGE) e della Society of Exploration Geophysicists (SEG). È Presidente della Sezione Italiana EAGE-SEG. È membro del Comitato Tecnico Scientifico del convegno nazionale annuale del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida (GNGTS). È Deputy Editor di ‘Geophysical Prospecting’ (per la sezione Potential Field methods) e Associate Editor di ‘Geophysics’ (per le sezioni Gravity Exploration e Magnetic Exploration). È autore di più di 55 pubblicazioni su riviste internazionali indicizzate, e di molte presentazioni a congressi internazionali e nazionali. Nel 2011 è stato vincitore del premio Loránd Eötvös Award istituito dall’EAGE. Nel 2018 è stato Invited Lecturer presso China University of Geosciences, Wuhan e China University of Geosciences, Beijing.


Nicola Pajola

Foto_Nicola_Pajola.jpg

Nicola Pajola, geologo, attualmente è “Global Geophysics Advisor for Europe” in Eni Upstream and Technical Services con oltre 25 anni di esperienza. Ha occupato posizioni in Italia e all’estero all’interno dell’area esplorazione petrolifera in Eni. Tra le recenti esperienze, ha ricoperto il ruolo di Seismic Planning & Feasibility Study Manager in Eni Milano, Geophysical Operations Manager presso Agip KCO, Kazakhstan, Seismic Operations Manager n Eni Milano e Geoscience Manager and Global Geophysics Advisor for Americas presso Eni Petroleum, Houston, Tx. Oltre alle competenze tecniche, ha sviluppato anche competenze gestionali, ricoprendo il ruolo di Area Knowledge Coordinator per la famiglia professionale geofisica.


Vincenzo Milluzzo

Foto_Vincenzo_Milluzzo.jpg

Vincenzo Milluzzo PhD in sismologia, è attualmente “Seismic Planning & Feasibility Study Manager” in Eni Upstream and Technical Services con 9 anni di esperienza nella Oil & Gas Industry occupando posizioni locali ed internazionali nelle diverse attività geofisiche di acquisizione sismica e di seismic reservoir characterization.Dopo la laurea in Geofisica conseguita con lode nel 2008, collabora con l’Università di Catania ed inizia una intensa attività di ricerca presso l’INGV sezione di sismologia. Nel 2012 consegue il PhD in Geofisica sotto la guida del Prof. Stefano Gresta ordinario di Sismologia ed ex Presidente INGV.Assunto in Eni nel 2009, per circa 5 anni si è occupato di Seismic reservoir characterization. Nel 2013 ricopre la posizione di “Geophysical Manager” per Eni Angola a Luanda per seguire le attività geofisiche operate e non-operate supportando attivamente progetti esplorativi e di sviluppo. Dopo circa 5 anni di esperienza estera, inizi 2018 rientra a Milano ricoprendo il ruolo di “Seismic Planning & Feasibility Study Manager” occupandosi della progettazione e della pianificazione dei rilievi sismici attraverso l’implementazione e l’utilizzo di software e metodologie innovative. Autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali (J.V.G.R; J.R.L; Geology; Tectonophysics) ha inoltre partecipato attivamente a vari congressi internazionali di geofisica.


Andrea Tognarelli

Foto_Andrea_Tognarelli.jpg

Andrea Tognarelli è nato nel 1978 e si è laureato in Scienze Geologiche nel 2007 discutendo una tesi di elaborazione di dati sismici a riflessione ad alta risoluzione. Dal 2008 al 2011, ha svolto la sua attività presso il Consorzio Universitario per la Geofisica dell’Università di Pisa operando nell’ambito di progetti scientifici su temi di sismologia di esplorazione stipulati con compagnie del settore oil & gas e geotermico tra cui ENI, ENEL, EDISON e SORGENIA. Dal 2011 è ricercatore (RU) in Geofisica Applicata presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa dove svolge la sua attività di docenza nell’ambito del corso di Laurea Magistrale in Geofisica di Esplorazione ed Applicata di cui è segretario al suo secondo mandato. I suoi ambiti di ricerca riguardano principalmente l’analisi, elaborazione, inversione di dati sismici a riflessione e lo sviluppo di tecniche wavelet per il riconoscimento di segnali e per la rimozione di rumore coerente. Da oltre dieci anni è socio EAGE e SEG.


Umberta Tinivella

Foto_Tinivella.JPG

Umberta Tinivella ha conseguito la Laurea in Fisica nel 1992 con una votazione di 110 e lode su 110 e il Dottorato di Ricerca presso l’Università degli Studi di Trieste in Geofisica Applicata. Dopo una collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica della Materia, ha conseguito la specializzazione presso l’Ecole Politecnique Federale de Losanne (EPFL, Svizzera) in Fisica dello Stato Solido e Fisica Numerica. E’ stata assistente del corso di Laboratorio di Fisica II presso l’EPFL. Dal 1996 è dipendente presso l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS). Nel 1998 ha vinto il premio internazionale Cagnard, presentando uno studio teorico per quantificare i gas idrati dall’analisi dei dati sismici e di pozzo. Ha ideato una procedura basata su modelli teorici per quantificare le concentrazioni di gas idrato e di gas libero dall’analisi di dati geofisici (software DRAGO). Per determinare il campo di velocita’ sismico ha sviluppato un software (ISTRICI) che utilizza la migrazione pre-stack in profondita’. Nel 2005 ha vinto il premio internazionale come migliore poster all’EAGE Near Surface, presentando i risultati ottenuti dall’analisi dei dati antartici acquisiti nel 2004. Nel 2007 ha vinto un premio presentando un poster sui gas idrati durante la conferenza OWEMES. Ha partecipato attivamente a un progetto di studi di acquiferi attraverso l’analisi di dati geofisici (CAMI), che e’ stato selezionato come uno dei tre migliori progetti LIFE sull’acqua. Ha ricevuto diversi incarichi di tutor a livello accademico (lauree, PhD) e nell’ambito della Comunita’ Europea (EURODOM, Marie Curie, ICTP, Talent). E’ stata invitata a tenere diversi seminari sulle sue ricerche in Universita’ e Enti di Ricerca internazionali, come presso l’Accademia Cinese delle Scienze a Pechino (Cina) e l’Universita’ Andres Bello a Vina del Mar (Cile). E’ responsabile di diversi progetti scientifici inerenti lo studio dei gas idrati, e delle proprieta’ petrofisiche in genere, sia a livello italiano (PNRA, Ministero degli Affari Esteri, ENI) sia a livello internazionale (EU e compagnie petrolifere). Ha partecipato a diverse campagne di acquisizione di dati geofisici sia a terra che a mare. Si e’ occupata della divulgazione dei principali aspetti dei gas idrati, utilizzando diversi mezzi di comunicazione (come la partecipazione a programmi radiofonici e al TG Scientifico Leonardo e alla trasmissione Geo&Geo di RAI3). Si e’ occupata dell’organizzazione di diversi Workshop riguardanti i gas idrati, sia a livello italiano che internazionale. E’ autrice di un centinaio di articoli scientifici su riviste internazionali e di centinaia presentazioni a congressi. Attualmente e’ vice-direttore della sezione di Geofisica dell’OGS.


Claudio D’Agosto

dagosto.jpg

Claudio D’Agosto è Chief Geophysicist in eni Upstream and Tecnical Services. Si è laureato con lode in Fisica alla Universidad Central de Venezuela nel 1997. Dopo quattro anni di lavoro come geofisico in Petroleos de Venezuela (PDVSA) nell’area della sismica multicomponente e caratterizzazione di giacimenti, ottiene nel 2003 il MsC in Geofisica all’University of Houston, Houston, USA. Nel 2003 entra in eni, Exploration and Production Division, come Senior Geophysicist, dove ha dato importanti contributi nella sismica di pozzo, rock physics e caratterizzazione dei giacimenti.  Nel 2011 Claudio diventa “Chef de Service Geophysique” in eni Congo a Pointe Noire (Repubblica del Congo), dove ha avuto un ruolo molto attivo con  importanti contribuzioni nelle operazioni geofisiche per l’esplorazione. Da novembre 2013 prende la posizione di Chief Geophysicist in eni per l’esplorazione nella regione dell’Africa.

Claudio ha fatto pubblicazioni in congressi e riviste tecniche nel area della sismica multicomponente, sismica di pozzo e rock physics.

In SEG, di cui è membro dal 1996, è stato Country representative Italia nel Global Affairs Committee (GAC) (2010 – 2011) e Country representative Congo nel Global Affairs Committee (GAC) (2011 – Oggi), svolgendo un ruolo molto attivo. Nel 2012 ha portato la prima Honorary Lecture SEG nella Republica del Congo.

 

 

Dario Chisari

Foto_Profilo_Linkedin.jpg
Il consiglio direttivo è supportato attivamente da Dario Chisari Explorationist in Eni.
Dario ha conseguito la laurea triennale in Geologia presso l’università di Milano-Bicocca nel 2009 e la laurea specialistica in Geologia e Risorse del Sottosuolo  presso l’Ateneo di Trieste nel 2011.
Immediatamente dopo la laurea ha collaborato con TGS nel ruolo di Junior Geophysicist e lavorato su vari progetti di interpretazione e prospettività regionale, sia 2D che 3D, lungo il margine W-Africano (MSGBC, Angola e Namibia), N-Brasile (Foz do Amazonas, Parà Maranhao e Potiguar), Bacino Norvegese-Danese, Golfo del Messico USA e Messicano. Nel ruolo di Advanced Geophysicist, sempre per TGS, ha collaborato con le autorità italiane per finalizzare il processo autorizzativo relativo ad una istanza di prospezione in acque territoriali italiane. Dario ha collaborato all’interpretazione del survey regionale denominato “Gigante” con particolare focus nell’area di Campeche-Salina del Istmo e Mexican Ridges, progetto premiato da AAPG nel 2016 con il A. I. Levorsen Award per il paper che meglio riassume idee creative nel campo dell’esplorazione O&G.
Dario lavora in Eni dal 2016 ed attualmente ricopre il ruolo di Expert Explorationist nel team Messico (ESAM – Esplorazione Americhe).